MATTEO ZENATTI

MATTEO ZENATTI

MATTEO ZENATTI: canto barocco/canto lirico
Dopo aver intrapreso gli con Claudio Cavina e con Gastone Sarti si è diplomato in canto lirico, voce di tenore, presso l’Istituto Musicale Pareggiato “O.Vecchi” di Modena, con Maria Gabriella Munari, approfondendo poi con Malcom King la tecnica Alexander applicata al canto e si è quindi perfezionato con Sonia Zaramella. Ha inoltre studiato recitazione presso la Scuola Regionale di Teatro di Padova, sotto la direzione di Arnoldo Foà,
Svolge dal 1986 un’intensa attività concertistica come cantante solista in prestigiose formazioni di musica medievale, rinascimentale e barocca: La Reverdie, I Sonatori della Gioiosa Marca di Treviso, Cappella Ducale di Venezia, Accademia di San Rocco di Venezia, Ensemble madrigalistico Fosco Corti, Cantilena Antiqua di Bologna, Daltrocanto di Torino, Ensemble La Flora di Bologna, Orchestra Barocca di Bologna, Cantimbanco di Verona, Madrigalisti Ambrosiani di Milano, Accademia Strumentale Italiana, Les Nations di Bologna, Orchestra Barocca di Bologna, Cappella Musicale di San Petronio di Bologna. Ha collaborato come Artista del Coro presso l’Ente Lirico Arena di Verona e inoltre con l’Aslico di Milano, con la Fondazione Toscanini, nella Stagione Lirica Verdiana di Busseto, e con il Teatro Sociale di Rovigo. Dal 1995 inizia un percorso personale di studio su un’arpa diatonica rinascimentale, con cui ben presto si esibisce in concerto e in registrazioni. Frequenta il corso di arpe antiche per un anno presso il Conservatorio di Vicenza. Nel 2007 pubblica, sotto la supervisione di Marco Materassi, la trascrizione in edizione critica dei Concerti Academici di Stefano Bernardi (1615 – 1619), a cura della casa editrice LIM. Nel 2013, grazie alla sua attività di musicista e divulgatore, ottiene il primo premio ‘Italia Medievale’ nella categoria Arte.
Il suo repertorio spazia dalla monodia e polifonia medievale alla musica tardo barocca, con una speciale predilezione per il madrigale cinqueseicentesco. Si esprime anche nel melodramma interpretando il ruolo di Tancredi nel Combattimento di Tancredi e Clorinda messo in scena al Teatro di Guastalla nel gennaio 1996 ed è Don Giovanni ne “Il convitato di pietra” di G. Gazzaniga allestito dal Laboratorio Lirico dell’Istituto O. Vecchi di Modena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *